Tecnologia

#mobilitàintelligente

Ammortizzazione sistematica

minuti durante la lettura il tempo
Tags: IntelligenzaArtificiale, Sicurezza

In fatto di comfort, dinamica e sicurezza di guida, il sistema di ammortizzazione attiva sMOTION ha adottato standard più severi. Il prototipo si serve della tecnologia dei comprovati sistemi di ammortizzazione di ZF, migliorandola ulteriormente.
Martin Westerhoff, agosto 30, 2018
author_image
Martin Westerhoff ha studiato giornalismo tecnologico e da allora scrive su veicoli e tecnologie. È appassionato di motorismo e macchine da corsa.
Senza dubbio i requisiti per l'ammortizzazione di veicoli sono alti. Il compito principale degli ammortizzatori è di riportare il prima possibile la carrozzeria ad uno stato di riposo dopo aver attraversato sottofondi stradali non piani. Inoltre, gli ammortizzatori devono garantire il contatto costante delle ruote con il suolo. Entrambi i compiti hanno un impatto importante sulla sicurezza e sul comfort di guida. Un'ammortizzazione dura aumenta sia la sicurezza che la dinamica di guida, ma a discapito del comfort dei passeggeri. E viceversa: un'ammortizzazione morbida aumenta il comfort di guida, a discapito della sicurezza e della dinamica di marcia. Ciò che serve è un comportamento di ammortizzazione equilibrato. Per trovare un compromesso ideale per tutte le categorie di veicoli, ZF propone diversi tipi di ammortizzatori.

Complementi premium per ammortizzatori standard e semiattivi

Complementi premium per ammortizzatori standard e semiattivi

Oggi gli autotelai delle autovetture moderne sono dotati quasi esclusivamente di ammortizzatori idraulici monotubo o bitubo. In ogni caso è sempre necessario un compromesso tra un assetto sportivo e uno comodo degli ammortizzatori. La struttura di questi ammortizzatori prevede un cilindro in cui un pistone si muove verso l'alto e verso il basso, spingendo l'olio nel processo attraverso fori o valvole. La resistenza incontrata dall'olio nel passaggio nei fori determina fondamentalmente le caratteristiche di ammortizzazione. Negli ultimi 20 anni, oltre agli ammortizzatori standard con una curva caratteristica fissa, ZF ha offerto ammortizzatori con CDC (Continuous Damping Control), nonché sistemi di ammortizzazione semiattivi. sMOTION – ancora nella fase di prototipo – ora completa questa gamma di prodotti come uno dei sistemi attivi migliori.

Sistemi di ammortizzazione per tutti gli impieghi

Sistemi di ammortizzazione per tutti gli impieghi

I sistemi di ammortizzazione di ZF sono di complessità diversa, cosicché le case automobilistiche possono scegliere quale montare su una stessa piattaforma, in base al modello, al tipo di motore o alla configurazione. Il tipo di ammortizzatore da installare dipenderà anche dal fatto se il veicolo verrà guidato da una persona o se piuttosto si tratti di un veicolo a guida autonoma. Anche per veicoli a guida autonoma un autotelaio attivo è importante, poiché il conducente non guarderà più continuamente la strada. Alla luce di ciò, sMOTION – la cui produzione in serie sarà avviata a breve – rappresenterà un'evoluzione essenziale in fatto di comfort, sicurezza e dinamica di marcia.

Come funziona la tecnologia dei tre sistemi?

Ammortizzatore bitubo standard

Ammortizzatore bitubo standard

L'asta del pistone dell'ammortizzatore bitubo è collegata alla carrozzeria e il suo alloggiamento al fuso a snodo. L'alloggiamento include un secondo tubo riempito completamente con olio e rappresenta la camera di lavoro. Il pistone si muove verso l'alto e verso il basso in questo cilindro. Lo spazio tra il tubo interno e l'alloggiamento funziona come camera di compensazione non completamente riempita con olio. Quando l'asta del pistone si muove verso il basso, riceve l'olio pressato fuori dalla camera di lavoro. Il fondo della camera di lavoro e il pistone comprendono delle valvole che normalmente limitano il flusso di olio maggiormente nella direzione della trazione (quando il pistone sale verso l'alto) che nella direzione della compressione (quando il pistone scende). Quando il pistone sale, aspira l'olio dalla camera di compensazione riportandolo nella camera di lavoro.

Ammortizzatore bitubo con valvole CDC

Ammortizzatore bitubo con valvole CDC

Un ammortizzatore con Continuous Damping Control (CDC) usa una o due elettrovalvole a comando elettrico. Le valvole CDC variano continuamente la resistenza idraulica. Una resistenza bassa implica un'ammortizzazione morbida, mentre una resistenza alta un'ammortizzazione dura.

Ammortizzatore bitubo con sMOTION

Ammortizzatore bitubo con sMOTION

L'ammortizzatore sMOTION è dotato di una pompa elettrica che pompa l'olio dalla camera di lavoro superiore alla camera inferiore o viceversa. Questo influisce sulle forze attive. Un bypass a monte della pompa consente di attivare due valvole CDC a cominciare con una frequenza di cinque Hertz. Frequenze talmente alte vengono causate, ad esempio, guidando su coperchi di chiusini, giunzioni stradali, pietrisco catramato o breccia. Il filmato mostra il funzionamento del sistema e degli ammortizzatori.
Come funziona sMOTION?

In breve:

Con sMOTION ZF intende aggiungere un sistema attivo alla sua gamma di soluzioni di ammortizzazione. Questo sistema è ideale per rispondere alle richieste più disparate dei clienti. Garantisce il massimo possibile di comfort, sicurezza e dinamica di guida. sMOTION è un contributo importante a una guida altamente automatizzata e autonoma. Una volta che sMOTION verrà prodotto in serie, ZF offrirà non solo ammortizzatori standard con una curva caratteristica fissa e il suo sistema semiattivo Continuous Damping Control (CDC), ma anche il nuovo sistema attivo sMOTION. Da un punto di vista tecnologico i sistemi sono simili e gli ammortizzatori funzionano secondo lo stesso principio.