Tecnologia

©ZF Friedrichshafen AG
#visionzero

Sicurezza stradale e zero emissioni

minuti durante la lettura il tempo
Tags: ZeroIncidenti

Con la sua concept car elettrica automatizzata, ZF ha compiuto un grande passo avanti verso una mobilità con zero incidenti e zero emissioni.
Kathrin Wildemann, agosto 25, 2017
author_image
Kathrin Wildemann fa parte del Copy Team permanente di ZF dal 2016. Nei suoi articoli online e offline ama trattare la mobilità elettrica in tutti i suoi aspetti e altre tematiche legate alla sostenibilità.
Zero incidenti e zero emissioni: questi sono i due fattori che concorrono a creare la filosofia Vision Zero di ZF. Si tratta di un obiettivo ambizioso, perché una mobilità senza incidenti o emissioni inquinanti presuppone che tutti i veicoli siano completamente elettrici ed autonomi. Utopia?

A dimostrazione di come i sistemi meccanici intelligenti possano avvicinarci al raggiungimento di questo traguardo, ZF ha già riunito i due pilastri della Vision Zero in un concept vehicle: il Vision Zero Vehicle fonde sistemi di sicurezza innovativi che impediscono ai conducenti di imboccare una strada contromano (Wrong-way Inhibit) o che riportano l'attenzione dei conducenti distratti sulla strada (Driver Distraction Assist) a una trazione completamente elettrica con una potenza sufficiente a far avanzare un minivan.

Panoramica di altre caratteristiche del Vision Zero Vehicle

Vision Zero Vehicle: l'aiuto degli assistenti intelligenti

Vision Zero Vehicle: l'aiuto degli assistenti intelligenti

Oltre ai sistemi Wrong-way Inhibit e Driver Distraction Assist, il concept vehicle offre al conducente ulteriori sistemi di assistenza intelligenti.
  • Active Buckle Lifter (ABL): già prima della partenza, a tutti gli occupanti viene segnalato di allacciare la cintura, agevolando al tempo stesso l'operazione. Il sistema Active Buckle Lifter (ABL), infatti, si sposta verso l'alto mentre i passeggeri salgono a bordo del veicolo. Per i sedili posteriori del Vision Zero Vehicle è stato inaugurato un nuovo design dell'ABL, in grado di rilevare se si utilizzano seggiolini integrati. In questo caso, il sistema solleva la fibbia ad un'altezza tale da permettere al bambino o all'adulto di allacciare comodamente la cintura.
  • Sicurezza predittiva: gli occupanti ricevono informazioni tattili in previsione di una situazione potenzialmente pericolosa. Serrando la cintura, vengono infatti spostati in una posizione ottimale dal punto di vista della sicurezza. La presa sicura come misura predittiva protegge attivamente il conducente, evitando reazioni indesiderate allo sterzo.
L'Active Buckle Lifter sposta in alto la fibbia in modo da renderla facilmente accessibile

Vision Zero Vehicle rende la guida automatizzata più sicura

Vision Zero Vehicle rende la guida automatizzata più sicura

L'esperienza di ZF, però, non si limita ai sistemi di assistenza innovativi. Con le sue funzioni di guida autonoma, il Vision Zero Vehicle mostra quale sarà il volto della mobilità del futuro. Il Vision Zero Vehicle, infatti, informa in anticipo il conducente di eventuali tratti stradali in cui è possibile attivare la guida automatizzata. Al conducente basta premere due pulsanti sul volante ZF per lasciare il comando al pilota automatico.
  • Comodità di manovra: per gli occupanti, anche i cambi rapidi di corsia sembreranno una comoda marcia in rettilineo. Questo è un aspetto molto importante per i veicoli a guida totalmente automatizzata, perché permette agli occupanti di distogliere lo sguardo dalla strada e di svolgere altre attività durante il viaggio. Diversamente, delle brusche sterzate potrebbero non essere piacevoli. Dal punto di vista tecnico, ciò richiede l'interazione fra il servosterzo elettrico ZF (EPS) davanti e il sistema sterzante per l'assale posteriore AKC dietro. Il veicolo supera così l'ostacolo senza le consuete manovre di svolta, visto che le ruote anteriori e posteriori sterzano in parallelo.
  • L'intervento del conducente: l'interfaccia uomo-macchina (IUM) del Vision Zero Vehicle è progettata per rendere più sicuro possibile il passaggio dalla gamma di marcia automatizzata a quella assistita. Se il veicolo deve affrontare situazioni complesse, quali la presenza di cantieri in autostrada, il conducente riceverà una serie di avvisi in sequenza e con sufficiente anticipo da consentirgli di reagire. Se il conducente non riprende il controllo dello sterzo, la funzione fermerà il veicolo in un luogo sicuro.